DIRITTO EUROPEO DELLA CONCORRENZA E DELLE IMPRESE

Anno accademico 2018/2019 - 2° anno

Obiettivi formativi

Economia di mercato, regole di concorrenza e mercato interno. Le fattispecie antitrust e il sistema di controllo. Gli aiuti statali alle imprese. Coesione economica e sociale e mercato interno


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

L'insegnamento verrà svolto mediante lezioni frontali con esame dei documenti e della giurisprudenza pertinenti


Prerequisiti richiesti

E' fondamentale la conoscenza degli aspetti istituzionali del Diritto dell'Unione Europea


Frequenza lezioni

Non è obbligatoria, ma consigliata


Contenuti del corso

Il corso affronta le norme contenute nei Trattati sull'UE e negli atti derivati applicabili sia alle imprese private che a quelle pubbliche allo scopo di garantire che la concorrenza nel mercato interno non sia falsata. Saranno pertanto presi in considerazione i comportamenti imprenditoriali ritenuti lesivi della concorrenza e gli strumenti utilizzati per assicurare il corretto funzionamento del mercato. Sarà dato rilievo al divieto di interventi finanziari statali alle imprese con le relative deroghe. Infine, si affronterà il tema della coesione economica sociale e territoriale e le possibili interazioni con il divieto di aiuti statali alle imprese.


Testi di riferimento

M. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014.

O. PORCHIA, Commento sub artt.174-178, in A. Tizzano (ed.), Trattati dell'Unione Europea, Milano 2014



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Economia di mercato e concorrenza. Concorrenza perfetta e concorrenza sostenibileM. Libertini, Diritto della concorrenza dell'UE, Milano 2014 
2Il modello europeo di concorrenza: dal Trattato CEE ai Trattati di LisbonaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
3L'attuazione delle regole di concorrenza e il processo di "modernizzazione"M. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
4Il riparto di competenze fra regole europee e diritti nazionaliM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
5La nozione di impresa applicabile alle regole di concorrenzaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
6Il pregiudizio al commercio intracomunitario e il mercato rilevanteM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
7Il divieto di intese restrittive: le fattispecieM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
8L'esenzione dal divieto di intese e le condizioni per l'applicazioneM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
9La nullità delle intese restrittive e le fattispecie previste dal TFUEM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
10L'abuso di posizione dominante. La posizione dominante individuale e collettivaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
11Lo sfruttamento abusivo e concorrenza per meritiM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
12La concentrazione di imprese. Nozione e fattispecie realizzativeM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
13Valutazione prospettica della concentrazione e posizione dominante collettivaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
14Il controllo decentrato su intese e abuso di posizione dominante. L'European Network CompetitionM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
15Avvio del controllo e poteri istruttori. Le decisoni finaliM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
16Il risarcimento del danno per violazione delle regole di concorrenzaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
17Il controllo accentrato delle concentrazioni di dimensione europeaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
18Imprese pubbliche e regole di concorrenzaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
19Servizi di interesse economico generale e regole di concorrenzaM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
20Aiuti statali alle imprese: nozione e elementi costitutiviM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
21Le deroghe al divieto: quelle assolute e quelle sottoposte a verifica di compatibilità 
22Il controllo preventivo sugli aiuti di nuova istituzioneM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
23Il controllo permanente su gli aiuti esistentiM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
24Gli aiuti illegali e l'obbligo di recuperoM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
25Aiuti di stato e giudici nazionaliM. LIBERTINI, Diritto della concorrenza dell'Unione europea, Giuffrè Editore, Milano 2014. 
26La politica europea di coesione economica sociale e territorialeO. PORCHIA, Commento sub artt. 174- 179, in A. Tizzano (ed.), Trattati dell'Unione europea, Milano 2014 
27I Fondi strutturaliO. PORCHIA, Commento sub artt. 174- 179, in A. Tizzano (ed.), Trattati dell'Unione europea, Milano 2014 
28L'attuazione della politica di coesioneO. PORCHIA, Commento sub artt. 174- 179, in A. Tizzano (ed.), Trattati dell'Unione europea, Milano 2014 

VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Modalità di verifica dell'apprendimento

Esame orale valutato alla luce dei seguenti criteri:

pertinenza delle risposte rispetto alla domande formulate

qualità e comprensione dei contenuti

capacità di collegamento con altri temi oggetto del programma

proprietà del linguaggio

dimestichezza con i testi normativi


Esempi di domande e/o esercizi frequenti

Le domande di esame riguarderanno almeno un argomento del programma in ciascuno dei seguenti ambiti: regole antitrust e relativo controllo, aiuti di stato: deroghe e controllo, coesione economica sociale e territoriale