DIRITTO EUROPEO DEL MERCATO INTERNO E DELL'ENERGIA

Anno accademico 2015/2016 - 1° anno

Obiettivi formativi

  • LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI E DELLE PERSONE
    Con la descrizione del mercato interno delle merci si intende impartire agli studenti i criteri che governano la libera circolazione nel settore, coniugando le numerose precisazioni rese dalla Corte di Giustizia nel cospicuo filone giurisprudenziale in materia. Obiettivo didattico è di insegnare l’utilizzo degli strumenti giuridici europei pertinenti, nonché di cimentarsi nell’operazione interpretativa effettuata dalla Corte di Giustizia – ciò grazie alla considerazione, in aula, di varie sentenze significative sui singoli profili della libera circolazione delle persone.

    Obiettivi didattici analoghi sono perseguiti nella seconda parte del I modulo, integrati altresì dalla circostanza che la circolazione dei cittadini europei solleva molte analogie con quella dei cittadini extraeuropei; dunque un ulteriore obiettivo didattico è quello di insegnare agli studenti la differenziazione degli atti giuridici europei rilevanti nelle diverse fattispecie, e stimolare la capacità a tener conto delle diversità in chiave di appartenenza europea/extraeuropea, ma altresì evidenziare alcune analogie di trattamento – maturate sull’onda lunga della tutela dei diritti fondamentali.
  • LIBERA CIRCOLAZIONE DI SERVIZI CAPITALI E PAGAMENTI
    Il mercato interno dei servizi costituisce attualmente il più impegnativo banco di prova nella varietà di fattispecie che possono emergere. Un contributo determinante in tal senso è dato dal mercato unico digitale, che incide profondamente sulla circolazione dei servizi. Obiettivo didattico è di insegnare gli studenti a riconoscere la fattispecie di “servizio” nella pletora di situazioni possibili, e individuare il diritto europeo applicabile. Fondamentale la disamina dei casi giurisprudenziali, miranti a chiarire le dinamiche implicate dai servizi negli ambiti più diversi.

    La circolazione transfrontaliera di capitali e pagamenti è invece considerata residuale rispetto alle libertà precedentemente trattate e descritte, ma non per questo d’importanza secondari. Capitali e pagamenti accompagnano infatti tutte le altre libertà, e ne rendono possibile la realizzazione.
    Obiettivo didattico è l’enucleazione dei principi cardine nella circolazione di capitali e pagamenti, enfatizzandone le possibilità di utilizzo ad opera dei cittadini europei e delle persone giuridiche (le imprese), e insegnando agli studenti come abbinare la tipicità di questa circolazione al regolare e legittimo svolgimento delle altre. Anche in questo caso saranno strumenti di supporto la legislazione europea e la giurisprudenza della Corte di Giustizia.

  • L'UNIONE EUROPEA E L'ENERGIA. IL MERCATO INTERNO DELL'ELETTRICITA' E DEL GAS
    Esaminare le principali tematiche del diritto europeo sulle singole fonti energetiche (elettricità, gas, energie rinnovabili, energia nucleare) con riguardo alle competenze dell’ UE nel settore dell’energia, alle regole del mercato interno e della concorrenza applicabili all’energia e alle relazioni dell’Ue con Stati terzi.

    La finalità del corso è preparare lo studente all’approfondimento e alla riflessione sulle tematiche giuridiche europee nel settore dell’energia e fornigli gli strumenti per la soluzione delle questioni attinenti alla formazione di un mercato interno dell’energia alternando allo studio teorico l’esame di prassi e case law.
  • UNIONE EUROPEA E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NEL SETTORE DELL'ENERGIA
    Ricostruire i caratteri fondamentali dell’”Energy trade law” in ambito internazionale. Fornire allo studente la conoscenza dei principali strumenti di regolamentazione giuridica del mercato globale dell’energia e stimolare la capacità di inquadramento e soluzione delle questioni giuridiche connesse alla formazione di un mercato globale dell’energia.

Contenuti del corso

  • LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI E DELLE PERSONE
    Il corso è articolato in 12 CFU complessivi, condivisi con altro docente nella misura di 6 per ciascuno. I primi 6 CFU delineano l’intera architettura del mercato interno dell’Ue dalle origini della Cee, analizzando quindi le singole libertà di circolazione nelle loro peculiarità, con il contributo di atti giuridici europei e della fitta giurisprudenza della Corte di Giustizia, strumenti indispensabili per comprendere l’effettiva operatività del mercato interno in ordine alle differenti tipologie di libertà. I trattati costitutivi dell’Ue costituiscono la trama normativa costantemente richiamata per illustrare il senso originale della definizione di ogni singolo regime di libera circolazione. Il corso intende soprattutto evidenziare i mutamenti delle relazioni tra Ue e Stati membri, nonché la valorizzazione del ruolo dei privati nella diversa dimensione dei ruoli espletati, concordemente all’evoluzione del mercato interno in sé, nonché al perfezionamento della normativa di riferimento. In tale prospettiva, l’illustrazione del mercato interno dell’Ue in epoca attuale tiene conto degli sviluppi normativi e giurisprudenziali in materia di cittadinanza europea – da un lato – nonché delle implicazioni critiche che appunto sul mercato interno sono determinate dalla ricaduta delle scelte europee – comunitarie e intergovernative – adottate nell’ambito della politica economica.
  • LIBERA CIRCOLAZIONE DI SERVIZI CAPITALI E PAGAMENTI
    Il corso è articolato in 12 CFU complessivi, condivisi con altro docente nella misura di 6 per ciascuno. I primi 6 CFU delineano l’intera architettura del mercato interno dell’Ue dalle origini della Cee, analizzando quindi le singole libertà di circolazione nelle loro peculiarità, con il contributo di atti giuridici europei e della fitta giurisprudenza della Corte di Giustizia, strumenti indispensabili per comprendere l’effettiva operatività del mercato interno in ordine alle differenti tipologie di libertà. I trattati costitutivi dell’Ue costituiscono la trama normativa costantemente richiamata per illustrare il senso originale della definizione di ogni singolo regime di libera circolazione. Il corso intende soprattutto evidenziare i mutamenti delle relazioni tra Ue e Stati membri, nonché la valorizzazione del ruolo dei privati nella diversa dimensione dei ruoli espletati, concordemente all’evoluzione del mercato interno in sé, nonché al perfezionamento della normativa di riferimento. In tale prospettiva, l’illustrazione del mercato interno dell’Ue in epoca attuale tiene conto degli sviluppi normativi e giurisprudenziali in materia di cittadinanza europea – da un lato – nonché delle implicazioni critiche che appunto sul mercato interno sono determinate dalla ricaduta delle scelte europee – comunitarie e intergovernative – adottate nell’ambito della politica economica.
  • L'UNIONE EUROPEA E L'ENERGIA. IL MERCATO INTERNO DELL'ELETTRICITA' E DEL GAS
    Elementi propedeutici allo studio del diritto europeo dell’energia: origini e sviluppi della politica energetica dell’UE e sue connessioni con le tematiche dell’ambiente. I mercati di elettricità e gas e l’estensione a questi del diritto del Mercato interno. La graduale estensione del diritto dell’UE ai mercati di elettricità e gas e la formazione di norme comuni per i mercati di elettricità, gas e energie rinnovabili. L’EURATOM e le tematiche relative all’approvvigionamento di uranio, alla tutela della salute e al controllo di sicurezza. Le peculiarità del mercato dell’energia nucleare e la sua disciplina nel Trattato EURATOM. La cooperazione energetica dell’UE con stati terzi ed O.I..
  • UNIONE EUROPEA E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NEL SETTORE DELL'ENERGIA
    La cooperazione internazionale nel settore dell’energia, l’iIndividuazione e l’approfondimento dei principi del diritto internazionale del commercio applicabili al settore dell’energia con particolare riferimento al sistema GATT/OMC.

    ll Trattato sulla Carta dell’Energia( ECT) ed i settori da esso disciplinati (il commercio, il transito, la tutela degli investimenti , la soluzione delle controversie, la concorrenza, l’ambiente e l’efficienza energetica).

Testi di riferimento

  • LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI E DELLE PERSONE
    G. Tesauro, Diritto dell’Unione europea, CEDAM, settima edizione, 2012: Parte seconda, Il mercato interno, Cap. IV, La libera circolazione delle merci, pagg. 365-441
    C. Morviducci, I diritti dei cittadini europei, Giappichelli, seconda edizione, 2014: Parte III, I diritti che i cittadini possono far valere nei confronti degli stati membri. La libera circolazione dei cittadini europei, pagg.96-269.
  • LIBERA CIRCOLAZIONE DI SERVIZI CAPITALI E PAGAMENTI
    G. Tesauro, Diritto dell’Unione europea, settima edizione, CEDAM, 2012:Parte seconda, Il mercato interno, Capitolo V, La libera circolazione delle persone e dei capitali, pagg. 526-584
  • L'UNIONE EUROPEA E L'ENERGIA. IL MERCATO INTERNO DELL'ELETTRICITA' E DEL GAS
    The evolution of the energy policy of the EC / EU and its connections with the issues on the environment and the Internal Market. The gradual extension of the European law to EU markets for electricity and gas. The armonization of internal law in the markets for electricity, gas, renewable energy. The peculiarity of the nuclear power market and is regulation in the Euratom Treaty. EU energy cooperation with third countries and I.O..
  • UNIONE EUROPEA E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NEL SETTORE DELL'ENERGIA
    M. MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale,Torino
    2011, p.225-394.

Programmazione del corso

UNIONE EUROPEA E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NEL SETTORE DELL'ENERGIA
 ArgomentiRiferimenti testi
1Origine e sviluppi della politica energetica dell'UE. I mercati di elettricità e gas. La formazione di norme comuni nei mercati di elettricità e gaas.M.MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale. Torino, 2011. 
2L'applicazione delle regole della concorrenza ai mercati di elettricità e gas.M.MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale. Torino, 2011. 
3La normativa europea sulle energie rinnovabili M.MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale. Torino, 2011. 
4Cooperazione nell'ambito dell'energia nucleareM.MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale. Torino, 2011. 
5La cooperazione regionale ed internazionale nel settore dell'energiaM.MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale. Torino, 2011. 
6L'OMC e le fonti energeticheM.MARLETTA, Energia. Integrazione europea e cooperazione internazionale. Torino, 2011.