ANALISI SOCIOLOGICA E METODI PER LA PROGETTAZIONE DEL TERRITORIO

Anno accademico 2015/2016 - 2° anno

Obiettivi formativi

  • TEORIA E METODI PER L'ANALISI DEI PROCESSI SOCIO-TERRITORIALI
    Il corso mira a sviluppare una capacità di apprendimento in forma critica e selettiva che consenta analisi e interpretazioni dei processi di mutamento socio-territoriale nella prospettiva di contribuire alla progettazione degli interventi sociali in ambito urbano sia dal punto di vista sostantivo che metodologico, con particolare riferimento all’ambito di quartiere. Si curerà un’analisi empirica condotta per mezzo di metodologie appropriate e differenziate in base all’oggetto di studio.
  • STRATEGIE E POLITICHE PER LO SVILUPPO URBANO E RURALE
    Si favorirà l’elaborazione di programmi complessi quali: contratti di quartiere; piani di zona; programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio; programmi di recupero urbano; programmi integrati di intervento. Lo scopo è la maturazione di competenze professionali – attraverso un approccio sociologico – finalizzate ad una capacità di progettazione sociale del territorio e di programmazione di interventi sostenibili. Si stimolerà il lavoro in gruppo.

Contenuti del corso

  • TEORIA E METODI PER L'ANALISI DEI PROCESSI SOCIO-TERRITORIALI
    Il primo modulo si sofferma sui concetti, sulla metodologia e sulle tecniche che contribuiscono allo studio sociologico del mutamento delle società urbane. Segue l’analisi e l’individuazione di pratiche di intervento su processi quali: governance e partecipazione; disuguaglianze abitative; welfare locale e pratiche di innovazione socio-territoriale; povertà urbane e politiche di contrasto; modelli territoriali di immigrazione e sviluppo locale; popolazioni urbane e domande di città.
  • STRATEGIE E POLITICHE PER LO SVILUPPO URBANO E RURALE
    Nel secondo modulo si analizzano le seguenti tematiche: gli effetti della progettazione architettonica sulle dinamiche di esclusione/inclusione sociale; la percezione della vulnerabilità e dell’insicurezza negli spazi urbani (periferie e perifericità); la trasformazione del paesaggio rurale e le dinamiche di mutamento delle società rurali; l’interazione autoctoni/stranieri negli spazi urbani; il ruolo delle tecniche della mediazione per affrontare i conflitti urbani.

Testi di riferimento

  • TEORIA E METODI PER L'ANALISI DEI PROCESSI SOCIO-TERRITORIALI
    - Guidicini P. (2009), Come studiare la città dal di dentro. Metodologie e tecniche per
    leggere le concentrazioni nel Nord e nel Sud del mondo, Angeli, Milano (Parte III. La Metodologia della ricerca nell'approccio socio-territoriale), pp. 85-137.
    - Sassen S. (2008), “La città globale: ritrovare località e pratiche sociali”, in Sassen S.,
    Una sociologia della globalizzazione, Einaudi, Torino, pp. 95-127.
    - Petrillo A. (2013), Peripherein: pensare diversamente la periferia Angeli, Milano.
  • STRATEGIE E POLITICHE PER LO SVILUPPO URBANO E RURALE
    E. Finocchiaro, Visioni della città fra radicamento territoriale e globalizzazione, Bonanno Editore, Acireale-Roma 2014, (soltanto: cap. II; cap. III; cap. IV).
    - Colloca C. et al. (a cura di) (2013), La globalizzazione delle campagne. Migranti e società rurali nel Sud Italia, Angeli, Milano.
    - Colloca C. (2011), “Vivere l’insicurezza. I giovani e lo spazio urbano”, in Amendola
    G., Insicuri e contenti. Ansie e paure nelle città italiane, Liguori, Napoli, pp. 255-287.
    - Amendola G. (2013), Il brusio delle città. Le architetture raccontano, Liguori, Napoli (soltanto: cap. VI; cap. VII; cap. VIII; cap. IX).