ORDINAMENTO PENITENZIARIO

Anno accademico 2021/2022 - 2° anno - Curriculum Istituzioni e servizi pubblici

Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Didattica frontale ( da remoto)


Prerequisiti richiesti

Non ci sono propedeuticità.


Frequenza lezioni

Non è richiesta la frequenza a lezione, sebbene sia consigliata, in quanto facilita l'apprendimento, soprattutto nei confronti di coloro che, durante il corso di laurea triennale, non abbiano sostenuto l'esame di diritto penale.


Contenuti del corso

La funzione della pena e delle misure di sicurezza, la nozione di pericolosità sociale. Le norme dell’ordinamento penitenziario, gli obiettivi risocializzanti affidati alle misure alternative alla detenzione, la funzione individualizzante del trattamento penitenziario.


Testi di riferimento

AA.VV., Manuale della esecuzione penitenziaria, a cura di P. Corso, Monduzzi, Milano, VII ed., 2019, pp. 1-30; 69-360.

in alternativa

 

AA. VV. Manuale di diritto penitenziario, a cura di F. Della Casa e G. Giostra, Giappichelli, Torino, 2021, pp. 1-95; 150-259.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1La funzione della pena e della misura di sicurezzaAA.VV., Manuale dell'esecuzione penitenziaria, a cura di P. Corso, Monduzzi, Bologna, 2019, pp. 1-30. 
2Il trattamento dei condannatiAA.VV., Manuale dell'esecuzione penitenziaria, a cura di P. Corso, Monduzzi, Bologna, 2019, pp. 69-186 
3Le misure alternative alla detenzioneAA.VV., Manuale dell'esecuzione penitenziaria, a cura di P. Corso, Monduzzi, Bologna, 2019, pp. 257-367 
4Le carceri di massima sicurezza. Il regime di sorveglianza particolare. I reati ostativi.AA.VV., Manuale dell'esecuzione penitenziaria, a cura di P. Corso, Monduzzi, Bologna, 2019, pp. 187-255. 

VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Modalità di verifica dell'apprendimento

Esame orale


Esempi di domande e/o esercizi frequenti

La funzione della pena. La pena detentiva. Presuppposti oggettivi e soggettivi per l'applicazione delle misure di sicurezza. Le misure di sicurezza nelle ipotesi di "quasi reati". La nozione di pericolosità sociale dopo la c.d. Legge Gozzini. La riforma dell'ordinamento penitenziario. Il concetto di risocializzazione. La funzione delle misure alternative e il ruolo dei servizi sociali. Il lavoro all'esterno. I permessi di necessità e i permessi premio. La possibilità di applicare i benifici penitenziari ai condannati all'ergastolo. L'affidamento in prova al servizio sociale. Le misure a tutela delle detenute madri. La detenzione domiciliare. La liberazione anticipata. La liberazione condizionale. La semilibertà.